Sport

Antonino Liuzzo e la Running Emotion

Da Pozzallo all'Europa
autore Daniele Cicero 17 March 2022
Antonino Liuzzo

Non è la prima volta che ci capita di parlare di vittorie importanti, a livello internazionale, di atleti che dal nostro piccolo comune partono alla conquista di vette inimmaginabili. E' successo alla MTB FK Pozzallo, con la conquista del Mundialito nel 2018; è successo a Francesco Iozzia, campione europeo di pugilato nel 2021; e quest'anno inizia nel migliore dei modi, con la vittoria nei 3000 metri dei campionati europei indoor master a Braga, in Portogallo, da parte di Antonino Tony Liuzzo. Classe '79, nativo della vicina Scicli, praticamente da sempre nel mondo dell'atletica leggera, atleta di punta della Running Emotion, associazione sportiva nata proprio nella nostra Pozzallo. 

Immagine rimossa.

Il progetto Running Emotion ci racconta Tony, nasce nel 2020 dalle forze combinate del sottoscritto e dell'amico e attuale presidente Gianni Scala, ex pallavolista e dirigente. L'obiettivo principale è sempre stato quello di portare il settore della corsa a Pozzallo e nei paesi limitrofi ai massimi livelli. Per due anni di fila, la Running Emotion si è piazzata quinta al campionato regionale di corsa campestre, gareggiando con società blasonate, da più di trent'anni in questo settore. Quest'anno, per soli sette punti, non abbiamo ottenuto il pass per la finale nazionale a Trieste. E sicuramente non smetteremo di provarci ancora.

(Tra l'altro, poco dopo aver pubblicato questo articolo, Tony e la Running Emotion hanno gareggiato ad Aviano, in provincia di Pordenone, ai campionati italiani di corsa campestre master, arrivando al primo posto. Ennesimo plauso per l'atleta e per tutta Pozzallo.)

Nati nel 2020 significa aver iniziato questo progetto nel pieno della pandemia di Covid-19. Quanto ha influito sulla vostra attività questa sciagura mondiale?

Un po' come a tutti, ci è caduto il mondo addosso. Ma la forza del gruppo ci ha spinto ad andare avanti. Siamo stati l'unica società in Italia ad organizzare un evento running non virtuale in un percorso ben definito proprio a Pozzallo, rispettando tutte le restrizioni e le normative dettate dall'emergenza ancora in corso. L'amministrazione comunale ha svolto un lavoro encomiabile e ci ha dato un grande supporto, richiamando più di 350 iscritti. 

Immagine rimossa.

Abbiamo conosciuto così la Running Emotion. Con un semplice evento fra le strade della nostra città. Eppure, l'associazione non ha mai smesso di sognare in grande e di credere nei propri atleti, soprattutto in quello più allenato e più esperiente. Ci si è allenati duramente e si è riusciti a raggiungere un obiettivo che, a 43 anni, è stato del tutto inaspettato. Medaglia d'oro sui 3000 metri, con il tempo di 8':45" (tra l'altro, nuovo record siciliano). Il più importante dei traguardi ottenuti da Tony Liuzzo ma non il primo. 

Nel 1998, è campione italiano junior di mezza maratona, con la Libertas Scicli di Franco Ruscica, il primo ad aver creduto nel talento di Tony. L'anno seguente, entra nel gruppo sportivo Aeronautica Militare, dove per sei anni ha vestito i colori della Cover Mapei di Verbania, in Piemonte, raggiungendo svariati successi. A 25 anni, si trasferisce a Perugia per studiare e laurearsi come massofisioterapista e intraprendere un cammino lavorativo che lo porterà nel 2012 a diventare cittadino d'adozione di Pozzallo (dove ha anche conosciuto Sara, la sua dolce metà). Per due anni è stato anche preparatore atletico e poi allenatore di calcio, una veste che non gli è mai calzata bene e che lo ha ricondotto, nel 2017, a tornare sui suoi passi e a raggiungere, dopo duri sacrifici e con il supporto di allenatori professionisti come Salvatore Dell'Aquila, i risultati che conosciamo bene. 

Immagine rimossa.

La presenza di una società come la Running Emotion ritengo sia essenziale - come tutte le attività sportive del luogo - per la diffusione di passioni sane e genuine. Quanto contano i consigli di un veterano nell'ambiente della corsa?

Lo sport è sinonimo di vita sana e noi come società cerchiamo di diffondere questo messaggio a più non posso. Purtroppo è anche vero che per i giovani è molto penalizzante l'assenza di un campo attrezzato per l'atletica leggera. Questi sono territori dove ancora nascono grandi talenti che, per vari motivi, non riescono mai ad emergere. Con più esperienza e con la mia età, ahimè, il capitano sono io e, come si può ben immaginare, non smetto di dare consigli e di confrontarmi con tutti gli atleti iscritti alla nostra associazione. 

Immagine rimossa.

Nonostante l'impegno dell'amministrazione comunale, ritengo che non si faccia ancora abbastanza. Lo sport è vita, è cultura: ti permettere di viaggiare, conoscere posti e persone, misurarti con atleti di differente nazionalità e con concezioni differenti dalla propria. Ma non parlo solo del Comune di Pozzallo, sia chiaro: l'approccio allo sport come disciplina fondamentale manca a livello regionale e anche nazionale. Manca soprattutto nelle scuole, dove si dovrebbe insistere di più. Grazie a questo spazio che ViviPozzallo mi sta dando, ne approfitto per rivolgermi alle aziende locali e non: contattateci, dateci il vostro supporto in cambio di pubblicità, anche in misura minore, non ha importanza, perché società come la nostra hanno progetti ambiziosi e da soli si fa molta fatica. 

Ancora una volta, torniamo a chiederci se sia così difficile creare uno spazio sportivo polivalente per tutti quegli atleti che, magari, sono stanchi di praticare solo calcio. Un palazzetto dello sport, ben attrezzato, che possa racchiudere tutte le attività che solitamente passano in secondo piano. Un luogo che possa accogliere gente di tutte le età e prepararli mentalmente e fisicamente a seguire la propria passione. Chissà che da Pozzallo non possa partire una sfilza di successi nazionali e oltre. Non ci sarebbe da stupirsi: non sarebbe la prima volta. 

 

Immagine rimossa.
Running
Sport